logo
Galleria: È morto a 32 anni Rick Genest, lo “zombie boy” e modello più tatuato al mondo

È morto a 32 anni Rick Genest, lo “zombie boy” e modello più tatuato al mondo

Rick Genest, lo Zombie Boy del video di Lady Gaga Born this way, è stato ritrovato morto a Montreal. Aveva solo 32 anni.

Ha raggiunto la fama a livello internazionale nel 2011, ballando al fianco di Lady Gaga nel videoclip di Born this way, dove la popstar e tutta la crew di ballerini al suo fianco comparivano mascherati da scheletri. Solo che, mentre per gli altri, Gaga compresa, l’effetto era stato ottenuto attraverso un sapiente lavoro di make up, per lui era diverso: lui era davvero così, per via dei tantissimi tatuaggi dell’apparato scheletrico che aveva sparsi in tutto il corpo.

Non a caso, Rick Genest si era guadagnato il soprannome di Zombie Boy, dovuto proprio ai disegni incisi sulla pelle fin dalla giovane età.

Modello, ballerino, attore, Rick non passava certo inosservato dato il suo aspetto particolare, ed era molto apprezzato da alcune delle maison di moda più importanti. Ma la sua fine è stata davvero tragica.

Zombie Boy è stato ritrovato morto, alle cinque di mercoledì 1° agosto,  nel quartiere di Plateau–Mont Royal, a Montreal, nel suo Canada. In un primo momento era trapelata l’ipotesi del suicidio, ma nei giorni successivi la triste vicenda di Rick ha preso un’altra piega.

Proprio Lady Gaga, alla notizia della morte di Rick, aveva subito voluto indirizzargli un pensiero attraverso i social, con diversi tweet.

Il suicidio del mio amico Rick Genest, Zombie Boy, è più che devastante – ha scritto la cantante – Dobbiamo lavorare di più per cambiare la nostra cultura, per dare risalto alla salute mentale e per cancellare lo stigma che dice che non ne possiamo parlare ad alta voce. Se stai soffrendo, chiama un amico o un famigliare oggi. Dobbiamo salvarci a vicenda.

E ancora:

La scienza ci dice che ci vogliono solo 21 giorni per prendere un’abitudine. Se soffri di un problema di salute mentale, voglio che oggi sia il tuo primo giorno o la continuazione di un lavoro che hai già cominciato a svolgere. Rivolgiti a qualcuno se stai soffrendo, e se conosci qualcuno che è in quelle condizioni, allunga una mano verso di loro.

Infine, scossa per questa morte inaspettata, aveva fatto sapere che avrebbe collaborato in prima persona con la fondazione da lei ideata, la btwfoundation, al fine di aiutare da vicino le persone con problemi psichici o disagi mentali.

La gentilezza e la salute mentale non sono una cosa che si fa una volta sola, non sono cose sulla lista. Questo autunno, in collaborazione con btwfoundation, esplorerò il potere delle abitudini per costruire culture di gentilezza e benessere.

Nei giorni successivi alla morte di Rick, però, come detto, sono emersi anche altri particolari che hanno allontanato la teoria della morte volontaria, e fatto capire che, invece, si sarebbe trattato di una tragica fatalità.

È quanto sostengono soprattutto la famiglia e il suo manager, Karim Leduc dell’agenzia Dulcedo Management, il quale ha spiegato che il modello si trovava nel suo appartamento con la fidanzata, e le avrebbe detto che andava a fumare una sigaretta sul balcone, come faceva sempre.

Solo dopo non averlo visto tornare la ragazza, preoccupata, sarebbe uscita a controllare, per scoprire la terribile verità, ovvero che Rick era accidentalmente precipitato.

Leduc ha anche detto che il comportamento del suo assistito non era quello di un uomo che medita di suicidarsi, dato che aveva dei programmi di lavoro per la settimana ed era contento anche del rapporto con il suo management, mentre i genitori puntano sull’assenza di un biglietto di addio che confermerebbe l’intenzione suicida.

Dal canto suo, Gaga ha prontamente chiesto scusa ai familiari di Rick, con un nuovo tweet.

In segno di rispetto verso la famiglia di Rick, mi scuso se ho parlato troppo presto senza avere testimoni o prove a sostegno di alcuna conclusione per le cause della sua morte. Non ho in alcun modo voluto trarre conclusioni ingiuste. Le mie più sentite condoglianze a tutta la sua famiglia e ai suoi amici.

Ma chi era davvero Zombie Boy, e perché ha preso, da giovanissimo, l’abitudine di tatuarsi parti dello scheletro sul corpo? Abbiamo provato a conoscerlo meglio attraverso la nostra gallery.

È morto a 32 anni Rick Genest, lo “zombie boy” e modello più tatuato al mondo

È morto a 32 anni Rick Genest, lo “zombie boy” e modello più tatuato al mondo
Foto 1 di 8
x
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...