logo
Galleria: Morto suicida Anthony Bourdain, ritratto dello chef ribelle compagno di Asia Argento

Morto suicida Anthony Bourdain, ritratto dello chef ribelle compagno di Asia Argento

È morto le chef Anthony Bourdain, genio ribelle della cucina e compagno di Asia Argento. Si sarebbe suicidato in un albergo di Strasburgo.

Anthony Bourdain è stato ritrovato privo di vita questa mattina, 8 giugno, in un albergo di Strasburgo, dove stava girando un episodio del suo programma Parts Unknown. Secondo le prime indiscrezioni lo chef newyorchese, ritrovato dal collega Eric Ripert, con cui co-conduceva lo show, si sarebbe suicidato impiccandosi, proprio come successo pochi giorni fa alla stilista Kate Spade.

Bourdain era molto noto nel mondo della cucina per le sue idee stravaganti e rivoluzionarie, ed era conosciuto per essere uno chef “ribelle” e per la fama di “bello e maledetto”; dopo il matrimonio con la sarda Ottavia Busa, durato un decennio, e la nascita della figlia Ariane, lo chef e volto di molti programmi tv a tema culinario era, da febbraio del 2017, il compagno di Asia Argento, altra anima ribelle dello spettacolo. Peraltro, dopo lo scoppio del caso Weinstein proprio in seguito a una denuncia di Asia, Anthony era stato il primo a schierarsi dalla sua parte e a difenderne la scelta di rivelare quanto subito dall’ex numero uno della Miramax.

Molti erano i post della coppia sui rispettivi profili social, l’ultimo dei quali era stato pubblicato proprio da Bourdain appena cinque giorni fa.

Asia, infatti, era  la regista dell’ultimo episodio,  girato ad Hong Kong, di Parts Unknown, andato in onda il  3 giugno su CNN, primo canale, peraltro, a dare la notizia della sua morte.

Le foto sembrerebbero confermare che la relazione tra Bourdain e l’attrice andasse avanti, nonostante qualche giornale di gossip, nei giorni scorsi, si fosse interrogato in merito alla coppia, visto che la Argento è stata vista in un locale romano con un fotografo francese, Hugo Clement.

In una recente intervista rilasciata a Repubblica Bourdain aveva spiegato perché avesse deciso di lasciare i fornelli per vivere il cibo in una modalità più on the road, che lo aveva portato a girare il mondo e a consumare piatti spesso estremi nei più diversi posti.

Amo il cibo di strada. Quello di Singapore più di ogni altro, frutto di innumerevoli contaminazioni avvenute nel tempo. E poi quello cinese, e naturalmente l’italiano.

Alla sua tavola, per una puntata speciale di No Reservation, si era seduto persino l’ex presidente americano Barack Obama.

Naturalmente nei prossimi giorni si attendono sviluppi e più informazioni sulla tragica fine di questo asso della cucina, la cui strabiliante e incredibile carriera è riassunta nella gallery.

Morto suicida Anthony Bourdain, ritratto dello chef ribelle compagno di Asia Argento

Morto suicida Anthony Bourdain, ritratto dello chef ribelle compagno di Asia Argento
Foto 1 di 10
x