logo
Galleria: Sanremo 2018: il racconto live della prima serata, martedì 6 febbraio

Sanremo 2018: il racconto live della prima serata, martedì 6 febbraio

In diretta dal Teatro Ariston comincia il Festival di Sanremo 2018 condotto da Claudio Baglioni con Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino: ecco il racconto live della prima serata con foto e video
Sanremo 2018: il racconto live della prima serata, martedì 6 febbraio

Una prima serata dove la musica è stata regina, questo è il Festival di Sanremo 2018 voluto da Claudio Baglioni. Un festival di musica e parole condotto da una fin troppo sorridente Michelle Hunziker, vestita Armani, che ha dettato i ritmi televisivi ai compagni d’avventura meno avvezzi alle logiche della tv. Claudio Baglioni, in Scervino, si è definito il sagrestano del Festival ma i momenti autoreferenziali sono stati parecchi. Una piacevole sorpresa è stato Pierfrancesco Favino, che superata l’emozione iniziale, è riuscito a puntellare la serata con ironia e performance di qualità.

La scelta di eliminare l’eliminazione crea un clima più rilassato che fa scappare ai conduttori qualche preferenza. La serata è comunque lunga, con la chiusura dopo l’una di notte, con alcuni momenti che potevano essere accorciati ma la musica è stata centrale. Ascoltare 20 brani in una sera poteva essere un suicidio, forse ha creato solo un po’ di confusione.

Il vero grande ospite della serata è stato Fiorello che ha aperto e salvato un Festival considerato da molti troppo poco nazionalpopolare. Subito un imprevisto cavallo pazzo, la diretta è proseguita con un monologo che ha avuto il suo apice nel forte mashup delle canzoni di Morandi e Baglioni, ma anche nel punzecchiare la par condicio e le tendenze di oggi. Probabilmente la Rai sostituirà il cavallo di Viale Mazzini con una statua equestre dello showman per il suo apporto fondamentale alla buona riuscita di questa prima serata del Festival.

Di seguito la cronaca della serata, minuto per minuto con tutte le foto e i video per rivedere i momenti cult.

Sanremo 2018: la cronaca live della prima serata, martedì 6 febbraio

01.10 La sigla finale è affidata a Michelle, Pierfrancesco e Claudio che ripropongono quella di apertura eseguita dai Campioni.

01.00 Viene letta la classifica di gradimento per la giuria demoscopica, i Campioni divisi in tre grandi gruppi:

Blu – i più graditi: Nina Zilli, Lo stato sociale, Noemi, Annalisa, Max Gazzè, Ron, Ermal Meta e Fabrizio Moro.

Gialli – i medi: Luca Barbarossa, Mario Biondi, The Kolors, Elio e le storie tese, Giovanni Caccamo,

Rossi – i meno graditi: Decibel, Diodato con Roy Paci, Renzo Rubino, Enzo Avitabile e Peppe Servillo, Red Canzian, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Le Vibrazioni, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli.

00.48 Ventesimo Campione in tra: Le Vibrazioni con Così sbagliato.

00.41 Una coppia inedita al Festival Enzo Avitabile con Peppe Servillo. Con Il coraggio di ogni giorno vogliono cantare un inno dolceamaro per i più umili e i precari. Un inno ai “signor nessuno” tra teatro e musica, quella canzone napoletana che racconta ogni sfaccettatura dell’esistenza.

Renzo Rubino: come vivono i figli la separazione dei genitori

00.36 Renzo Rubino torna a Sanremo presentando Custodire. Un brano che nasce nell’adolescenza di Renzo Rubino a causa del divorzio dei genitori, il racconto di una storia simile a quella di molti figli. Fa riflettere e convince.

00.30 un finto problema tecnico per far entrare il cast del film di Gabriele Muccino A casa tutti bene, un canto corale di Bella senz’anima. Pierfrancesco: “Eh mi sono portato la famiglia”. 

00.22 Pausa per il Tg1 60 secondi e poi le ultime esibizioni della serata

Nina Zilli ispirata dalla forza delle donne

00.16 Una delle canzoni che stavamo più attendendo al Festival, Nina Zilli in Senza Appartenere. Un brano dedicato a tutte le donne, alle donne della vita di Nina ma anche alle grandi donne del passato e del presente che in un mondo di maschi lottano per essere “pari”. Un’ode alla bellezza e alla forza della donna, un invito a trasformare la paura in coraggio. I fiori nella testa di Nina simboleggiano l’appartenenza alla campagna #iosonoqui lanciata dal Festival di Sanremo contro la violenza sulle donne.

00.10 Diodato e Roy Paci, due amici e una canzone. Adesso è un mantra musicale. Un brano con un livello altissimo, merita di scalare la classifica del Festival.

00.04 Gianni Morandi con Tommaso Paradiso presenta il brano, scritto dal leader dei TheGiornalisti, Una vita che ti sogno. Sembrano in playback, questa Gianni non ce la dovevi fare.

Gianni Morandi ospite della prima serata del Festival di Sanremo 2018

23.56 Gianni Morandi e Claudio Baglioni in un omaggio a Luis Bacalov. I capitani coraggiosi si sono ritrovati cantando Se non avessi più te. Morandi: “Con Baglioni, facevamo sempre a gara a chi teneva l’acuto più lungo. Vinceva sempre lui” promozione dei tour e standing ovation della platea dell’Ariston.

23.53 Inizia la seconda parte della serata? Il Festival darà la linea direttamente a Uno Mattina. Tranquilli la scaletta prevede la chiusura intorno alle 00.40.

23.41 Luca Barbarossa riporta al Festival la grande tradizione della canzone romanesca in Passame er sale. Uno si aspetta Mannarino e arriva Sabrina Ferilli.

23.35 Red Canzian torna con un pezzo più rock Ognuno ha il suo racconto. L’ex Pooh propone un brano interessante, una sonorità anni ’80. Convince.

23.29 Giovanni Caccamo, al suo terzo Festival di Sanremo, presenta Eterno. Una canzone d’amore, un brano che non decolla ma rientra nella categoria “grandi classici sanremesi”.

23.20 Elio e le Storie Tese per l’ultima volta all’Ariston prima dello scioglimento. La band si presenta diretta Peppe Vessicchio (ovazione appena viene inquadrato il Maestro) e Favino ironizza “è appena caduto dalle 1000 lire”. Per eseguire Arrivedorci la band si presenta vestita da maharajah indiani, un brano d’addio in pieno stile EELST.

23.10 I Decibel tornano a Sanremo 2018 con Lettera dal duca. Un brano che forse ha bisogno di qualche ascolto in più.

23.03 Noemi in Non smettere mai di cercarmi, un brano che interroga sull’equazione dell’amore. Una legge della fisica per cui se due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo e poi vengono separati, non possiamo più distinguerli. Una sonorità che rientra nel repertorio di Noemi.

23.00 Esibizione canora anche per Michelle Hunziker ma così anche quest’anno tutti cantano Sanremo in E se domani. Claudio Baglioni e Pierfrancesco Favino assistono la Hunziker durante l’esibizione in più modi come sostituirle il tacco rotto con una scarpa. Gag divertente… bah.

Lo stato sociale conquista il pubblico dei social

22.49 Arrivano da Bologna, portano al Festival la scena indie. Lo stato sociale al Festival in Una vita in vacanza, una delle esibizioni più attese. Leggera, divertente… ma con un testo che fa riflettere. Sul palco a sorpresa l’esibizione di una signora anziana che balla, un po’ balera un po’ Got Talent. Paddy Jones, questo il nome della ballerina che si è esibita nella scorsa stagione di Tu si que Vales!

22.42 I primi Pooh della serie. Riccardo Fogli e Roby Facchinetti in Il segreto del tempo. Il brano è un dialogo tra due amici che si raccontano le difficoltà e le gioie della vita, lo stile è quello dei Pooh. Qualche incertezza vocale dovuta all’emozione.

Pierfrancesco Favino canta tutti i successi di Sanremo in 2 minuti

22.39 Dopo il divertente spazio di Fiorello, Pierfrancesco Favino porta lo show a Sanremo con un bellissimo mah-up dei principali brani nati sul palco di Sanremo. Quando canta Eros Ramazzotti viene interrotto da Michelle che dice “Cioè, fra tutte le canzoni di Sanremo, proprio questa?”. A fine esibizione il pubblico continua a cantare un’avventura con grandissima sorpresa anche di Favino e Baglioni: quando il pubblico riesce a sorprendere e stravolgere anche gli spazi studiati e scritti dagli autori. Stupendo.

22.23 Per la prima volta sul palco dell’Ariston Mario Biondi con Rivederti. Un brano classico per il repertorio del cantante dalla voce calda.

22.16 Una delle coppie più attese del Festival: Ermal Meta e Fabrizio Moro in Non mi avete fatto niente. Il testo forte che parla di terrorismo e paura, una sonorità moderna che lo trasforma in un manifesto di forza pacifica contro la paura. Un possibile brano da podio.

22.13 Il primo Gnigni del Festival. Pierfrancesco Favino ha risposto al tormentone lanciato dai The Jackl, chissà quale sarà il prossimo artista a dirlo sul palco.

Ornella Vanoni e il fiore #IosonoQui contro la violenza sulle donne

22.10 Dopo il blocco con Fiorello si torna alla gara con una signora della musica italiana: Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico in Imparare ad amarsi. Una canzone adulta, il racconto dell’amore adulto fatto anche di perdono e comprensioni. Un trio inedito che porta la poesia del cantautorato a Sanremo 2018.  A fine esibizione la Hunziker le consegna il fiore simbolo della campagna #iosonoqui, contro la violenza sulle donne e lei lo rifiuta dicendo: “Io questo fiore lo farei mettere agli uomini, sono loro che devono imparare, non noi”.

21.50 Rientra Fiorello per riempire lo spazio lasciato libero da Laura Pausini? Laura interviene al telefono per un saluto Laura Pausini: “Come state?” e Baglioni: “Sicuramente, meglio di te”. Fiorello salva la situazione tra battute politiche, frecciatine ad Antonio Ricci e una versione di E tu. Fiorello dimostra che la gavetta e l’eccellenza premia, lui potrebbe fare qualsiasi cosa e divertire, è il vero vincitore di questa prima serata.

21.41 Max Gazzè con la leggenda di Cristalda e Pizzomunno si prende il rischio di sperimentare al festival proponendo un brano che ricorda il teatro-canzone popolare.

21.38 Pierfrancesco Favino è la vera rivelazione del Festival:  ironico, divertente e con i tempi televisivi perfetti. Lui sarà la cifra nazionalpopolare di questo Sanremo 2018 e alla Hunziker che scende in platea per baciare Tomaso Trussardi dice “Se vogliamo aspettare fine serata, perché capisco che non vi vedete da due settimane, però…”.

Una signora partecipa a Sanremo e diventa una star del web.

Michelle Hunziker dalla platea dell’Ariston parla dell’importanza dei social e chiede a una signora in pelliccia seduta in platea se li usasse, lei risponde di essere su Instagram e su Facebook. Così l’invito della stessa Hunziker di cercare su Instagram il profilo della donna per “seguirla” e in pochi minuti la signora ha ricevuto migliaia di like e nuovi follower. Durante la prima serata del Festival di Sanremo la signora Rosa Trio è diventata popolare nei social.

21.30 The Kolors con Frida (Mai, mai, mai). Un brano elettro-pop che paragona le relazioni alla vita della pittrice Frida Kahlo: caparbietà e ottimismo. Il mai, mai, mai entra in testa già dal primo ascolto.

21.25 Con un brano inedito di Lucio Dalla, a Sanremo 2018 arriva Ron con Almeno Pensami. Dirige l’orchestra Peppe Vessicchio, il brano è un capolavoro narrativo del genio Lucio Dalla. Commovente.

21.23 Michelle Hunziker approfitta di un cambio scena per dichiarare tutto il suo amore al marito Tomaso Trussardi:

“Non ti vedo da due settimane. Sei talmente bello che ti risposerei”

21.17 L’apertura del Festival di Sanremo 2018 è affidato a una giovane donna: Annalisa. Il brano è Il mondo prima di te, una canzone che parla di rinascita ed esalta la vocalità dell’ex ragazza di Amici di Maria De Filippi.

21.15  Arriva La Conduttrice del Festival: Michelle Hunziker. La donna che avrebbe potuto condurre da sola l’evento, si presenta sul palco dell’Ariston con un elegantissimo vestito lungo nero con una generosa scollatura. Viene spiegato il regolamento con un ritmo degno di Carlo Conti, perfetta.

21.12 Pierfrancesco Favino è presentato come “l’amico di strada”. La conduzione di Claudio Baglioni ricorda quella dei presbiteri alla domenica mentre Favino sembra molto a suo agio ironizzando “Tutti cantano a Sanremo e l’unico a non cantare sarò io”.

21.00 Fiorello è il miglior scalda pubblico di sempre. Sono le nove ed entra il direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 Claudio Baglioni. Il cantante racconta che sarà un festival di musica e parole, l’omelia laica:

Solamente i profumi hanno la stessa capacità delle canzoni, di trasportarci di nuovo in un posto, in un luogo. Le canzoni sono piccoli momenti, istanti di eternità, sono cielo, neve di sogni che sembra cadere e venir giù da un altro pianeta.

20.57 Lo show continua con un monologo-non monologo da parte di Fiorello. I conduttori del Festival di Sanremo 2018 sono desaparecidos al momento. Il monologo di Fiorello spazia dalla politica “Questo è l’unico Festival in cui non si eliminano i cantanti, ma il pubblico” alle nuove tendenze “verrò pagato in Bitcoin”. Lo showman fa un mash-up dei più grandi successi dei Capitani Coraggiosi Baglioni e Morandi, l’idea ricorda un po’ Laura&Paola della Pausini e Cortellesi: la musica che ha accompagnato l’Italia negli ultimi 60 anni.

Fiorello legge il messaggio inviato da Baglioni per convincerlo a partecipare a Sanremo “Ciao Rosario, potresti essere il mio reale gancio in mezzo al cielo…”

Sanremo 2018: un uomo invade il palco, il video

20.47 Il Festival è aperto da Fiorello e subito sul palco un contestatore che vuole parlare con il Procuratore della Repubblica ma il comico, mentre l’uomo viene portato via, salva la situazione dicendo:

Lo sapevo che non ci dovevo venire qui. Faccio il Pippo Baudo della situazione. Un tempo minacciavano di buttarsi, oggi entrano direttamente accompagnati come gli assistenti di scena.

20.45 Parte in perfetto orario la prima serata del Festival di Sanremo 2018 con la sigla cantata da tutti i Campioni.

Stasera si aprirà il sipario del Teatro Ariston per accogliere la prima serata del 68° edizione del Festival di Sanremo condotta da Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino con Claudio Baglioni che firma anche la direzioni artistica. La puntata inizierà su Rai 1 alle ore 20.45 con la sigla cantata da tutti i Big in gara, sarà una canzone inedita realizzata appositamente per Sanremo 2018.

Durante la prima serata si esibiranno i 20 Campioni in gara, in ordine di apparizione sul palco: Annalisa, Ron, The Kolors, Max Gazzè, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Mario Biondi, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, Lo Stato Sociale, Noemi, Decibel, Elio e Le storie Tese, Giovanni Caccamo, Red Canzian, Luca Barbarossa, Diodato e Roy Paci, Nina Zilli, Renzo Rubino, Enzo Avitabile con Peppe Servillo, Le Vibrazioni.

Non sentiremo invece i brani dei Giovani delle Nuove Proposte che inizieranno la gara domani sera.

Tra gli ospiti della serata non ci sarà Laura Pausini. L’artista colpita da una laringite acuta ha dovuto rinunciare alla partecipazione alla prima serata e ha stravolto i suoi piani internazionali per essere comunque al Festival. La sua partecipazione è infatti confermata per l’ultima serata di sabato.  Atteso invece Fiorello previsto con un solo intervento e il capitano coraggioso Gianni Morandi che affiancherà Baglioni nel suo debutto. I due renderanno omaggio a Luis Bacalov, ma il ragazzo di Monghidoro canterà anche con Tommaso Paradiso dei TheGiornalisti.  Sul palco dell’Ariston anche gli attori del film di Gabriele Muccino A casa tutti bene.

L’edizione 68, per volere del direttore artistico Claudio Baglioni, vuole portare al centro della scena la musica e le parole: poche le anticipazioni e moltissime le sorprese preparate per la serata.

Su robadadonne.it seguiremo la diretta con foto e commenti a caldo sulle performance degli artisti e racconteremo i fatti più divertenti di Sanremo 2018.

Sanremo 2018: il racconto live della prima serata, martedì 6 febbraio

Sanremo 2018: il racconto live della prima serata, martedì 6 febbraio
Foto 1 di 14
x
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...