logo
Stai leggendo: Giorgia confessa: “volevo lasciarmi andare, ma ho scelto la vita”

Giorgia confessa: "volevo lasciarmi andare, ma ho scelto la vita"

Giorgia confessa a Tg2000: "Ho avuto momenti in cui volevo lasciarmi andare, in cui non speravo di farcela. Da quando sono mamma ho ritrovato l’entusiasmo perduto"

Vent’anni di carriera, sette milioni di dischi venduti in tutto il mondo. Una cantante di grande successo e dal timbro unico, Giorgia, che in questi giorni sta presentando il suo nuovo album Oronero Live con due inediti.

Ma il successo, spesso, nasconde insidie e momenti bui, come dichiara la cantante romana ai microfoni di Tg2000, che già in passato ha sofferto per via della prematura scomparsa dell’ex compagno Alex Baroni (con cui è stata fidanzata dal 1997 al 2001), morto a causa di un incidente stradale nel 2002.

“Ho avuto momenti in cui volevo lasciarmi andare, in cui non speravo di farcela. Da quando sono mamma ho ritrovato l’entusiasmo perduto.

La vita è magica, la vita e il cielo sono energie superiori. Ti senti dare quasi dei calci nel sedere e una voce che ti dice ‘devi vivere’, perché sei qua, devi farlo. Poi ci trasformeremo e vivremo altrove. Per rinascere devi morire, quindi c’è sempre una sofferenza nel cambiamento o nel rialzarsi ma quella sofferenza è preziosa perché ti dà la linfa”, spiega Giorgia ai microfoni di Tg2000

La forza per risorgere dalle sue ceneri, Giorgia, l’ha presa dalla maternità, da quando è diventata mamma di Samuel, il 18 febbraio 2010 (insieme all’ex compagno Emanuel Lo).

“Questa energia chi me la dà, chi ce la mette? Ognuno ha i suoi pusher di energia che può essere un lavoro, un amore. Nel mio caso da quando sono diventata mamma ho ripreso emozioni, entusiasmo, voglia, che nel mio lavoro cominciavo a sentire poco rispetto a quando avevo vent’anni. Ogni mamma è una macchina, io direi che ogni donna è una macchina”.

Al centro della rinascita di Giorgia ha avuto un ruolo centrale anche la fede e la fiducia nelle altre persone.

Forse questo è un tempo in cui ci vuole molta forza e molto coraggio per avere fiducia nell’altro, però la fiducia come la fede sono esercizi che si fanno nei momenti difficili. È anche un grande atto di volontà. La fede è anche una scelta, è scegliere di vedere le cose notando che esiste anche una parte sana e salva e su quella bisogna fare leva e forza”.