logo
Stai leggendo: IO, arriva l’app che rende smart la Pubblica Amministrazione

IO, arriva l’app che rende smart la Pubblica Amministrazione

IO è la nuova app che metterà in comunicazione i cittadini italiani con lo Stato e gli enti pubblici rendendo smart la Pubblica Amministrazione: si potranno richiedere e ricevere i servizi direttamente con un tap sul cellulare.
IO, arriva l’app che rende smart la Pubblica Amministrazione

È stata presentata al Forum della Pubblica Amministrazione l’app IO che rivoluzionerà e farà diventare smart ogni rapporto tra il cittadino e lo Stato. L’applicazione accentra in un solo posto molti servizi che si possono richiedere ai vari enti della Pubblica Amministrazione e grazie ai pagamenti digitali si potrà procedere con pochi tap sullo smartphone. 

L’applicazione si chiama “IO” come ad indicare la centralità del cittadino all’interno della troppe volte spersonalizzata Pubblica Amministrazione. In questa applicazione mobile verranno compresi tutti quei servizi che permetteranno ai cittadini di velocizzare le pratiche, dalla richiesta di documenti e certificati all’iscrizione dei propri figli a scuola, passando per la scelta del medico curante e la possibilità di effettuare pagamenti.

Il Ministro della Pubblica Amministrazione e Semplificazione Marianna Madia su Facebook spiega: 

L’Applicazione del cittadino rappresenta un unico pannello di controllo centrale in cui confluiranno tutte le tecnologie essenziali del nuovo “sistema operativo” della Pubblica Amministrazione. Per arrivare a questo risultato negli anni abbiamo realizzato i pilastri su cui la piattaforma poggerà: ANPR, l’anagrafe digitale unica dove stanno convergendo le singole anagrafi di oltre 8.000 comuni; PagoPA, che già oggi consente di pagare molti tributi verso la PA digitalmente; Spid, il sistema unico di identità digitale con cui autenticarsi e accedere a tutti i servizi della PA, e altri ancora.

La trasformazione digitale non è un percorso semplice, abbiamo incontrato molte difficoltà, di carattere infrastrutturale, organizzativo e non ultimo culturale. Ma dopo 4 anni di lavoro siamo sulla strada giusta. (…) abbiamo fatto il punto sullo stato di avanzamento della road map della digitalizzazione. Molti degli obiettivi si sono tradotti in risultati che sarebbero stati impossibili da raggiungere senza una regia condivisa e un gran lavoro di squadra, portato avanti prima con il governo Renzi e successivamente con quello Gentiloni.

Per il momento l’app è in fase di test ma  la versione Beta semi-definitiva dovrebbe essere rilasciata entro l’estate e dal prossimo anno si vorrebbe entrasse nella vita di ogni cittadino. In un mondo sempre più smart e iper-connesso anche lo Stato cerca di aggiornarsi.