logo
Stai leggendo: Niccolò Bettarini: “Volevano ammazzarmi ma darei la vita per i miei amici”

Niccolò Bettarini: "Volevano ammazzarmi ma darei la vita per i miei amici"

"Volevano la mia vita, era chiarissimo. Sono tutte persone che hanno un passato di crimini e risse" ha aggiunto Niccolò Bettarini.
Bettarini Niccolò

Niccolò Bettarini, figlio di Simona Ventura e dell’ex calciatore Stefano, parla alla Gazzetta dello Sport di quanto accaduto lo scorso mese, quando è stato aggredito da un gruppo di ragazzi fuori da una discoteca a Milano. Queste le sue parole:

Era ora di rientrare a casa ma dall’altra parte della strada la mia amica Zoe ha iniziato a chiamarmi urlandomi che stavano picchiando il nostro amico Andrea. Tre ragazzi lo accerchiavano e così mi sono buttato su di loro per difenderlo. Da lì è iniziato il finimondo. Sono arrivati altri ragazzi, mi hanno aggredito. Ho sentito che mi avevano riconosciuto e “volevano ammazzarmi” perché sapevano chi fossi. Erano dieci. Ho tentato di difendermi e parare i loro colpi. Mi ricordo di essere caduto a terra e Zoe si è buttata sopra di me per proteggermi da quella furia di violenza. Non si sono fermati, l’hanno riempita di calci. Volevano la mia vita, era chiarissimo. Sono tutte persone che hanno un passato di crimini e risse. Mentirei se ora dicessi che quel gesto avventato che poteva costarmi la vita me lo potevo anche evitare. Lo rifarei ancora e ancora. Darei la vita per i miei amici.

Quattro i fermati che se la sarebbero presa con lui in quanto “figlio di”: Niccolò, come spiegato sopra, era intervenuto solo per difendere un amico. Coinvolta nell’aggressione anche la fidanzata di Bettarini.

Due settimane fa il figlio della Ventura aveva rotto il silenzio affidando a un post su Facebook la prima foto dall’ospedale e queste parole:

Non sono mai stato bravo a raccontarmi. Ma, ora che sto migliorando, sento che sia giusto e doveroso dire diverse cose. Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai. Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita. Sono cresciuto credendo nell’amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà.

Infine:

Sarò sempre grato al pronto intervento dell’ambulanza e del trauma team dell’Ospedale Niguarda di Milano. Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto. Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Grazie a tutti per l’affetto che ci avete dimostrato. Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto, ricordate chi siete.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...