L’annuncio arriva dal primo ministro dei Paesi Bassi, Mark Rutte, che ha annunciato in sede parlamentare la libertà per i membri della famiglia reale olandese di sposare persone dello stesso sesso senza dover rinunciare al trono.

Un monarca olandese può sposare una persona di qualsiasi genere scelga senza perdere il diritto al trono“, ha affermato il primo ministro Mark Rutte, come riporta la stampa.

Il primo ministro stava rispondendo a delle domande del Parlamento dei Paesi Bassi, in particolare relative a un libro recentemente pubblicato, dal titolo Amalia, il Dovere Chiama, che sosteneva che le vecchie leggi sembrano escludere la possibilità di una coppia omosessuale sul trono.

Il libro in questione parla della principessa Catharina-Amalia, 17 anni, erede al trono in quanto figlia primogenita del re Willem-Alexander. Non si sa quasi nulla della vita privata della principessa, che è molto riservata. Comunque, la principessa ha annunciato all’inizio di quest’anno che non accetterà l’indennità annuale di 1,6 milioni di euro di cui avrà diritto quando compirà 18 anni, perché “l’avrebbe fatta sentire a disagio”, ha affermato alla stampa.

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale, nei Paesi Bassi, fin dal 2001, ma non si era mai specificato se questa possibilità si applicasse ai membri della famiglia reale olandese, che proviene dalla Casa d’Orange-Nassau (in olandese Huis van Oranje-Nassau).

La Svizzera ha deciso: sì ai matrimoni gay

Nei Paesi Bassi, il matrimonio di un membro della famiglia reale deve essere necessariamente approvato dal Parlamento con un atto ufficiale. Se il Parlamento non approva il matrimonio, il membro della famiglia reale potrà comunque sposarsi con la persona che ha scelto, ma perdendo i diritti al trono.

Il primo ministro ha ribadito che le cose sono cambiate da quando uno dei suoi predecessori aveva affrontato la questione nel 2000. “Il governo non dovrebbe quindi pensare che il re o la regina dovrebbe abdicare, se intende sposare una persona dello stesso sesso“, ha concluso Rutte in una lettera destinata al Parlamento olandese.

I membri della famiglia reale olandese saranno quindi liberi di sposare chiunque desiderino, a prescindere dal genere, senza rinunciare ai diritti reali.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!