In Afghanistan, dopo l’annuncio del ministro dell’Istruzione, Neda Mohammad Nadeem, che ha vietato alle donne afghane l’accesso alle università, sono oltre 40 i professori che si sono dimessi. In questo ambito, un docente dell’Università di Kabul, Ismail Meshal, ha voluto compiere un gesto di dissenso nei confronti del regime talebano. E lo ha fatto in diretta tv. Ospite su Tolo Tv, il professore ha strappato i suoi diplomi e le sue lauree come segno di protesta contro il bando delle donne nelle scuole e negli atenei.

Da quando ci sono i Talebani, non mi servono più questi diplomi, questo non è un Paese per l’educazione. Se mia sorella e mia madre non possono studiare non accetterò questo sistema“, sono le parole importanti che Ismail Meshal ha pronunciato mentre ha strappato i suoi diplomi.
Non accetto quest’istruzione“, ha aggiunto.

Afghanistan: i talebani tengono le scuole secondarie femminili chiuse

Le proteste in Afghanistan continuano da tempo. Il divieto di accesso alle università per le donne ha causato prima di tutto la rabbia delle studentesse e degli studenti, che sono scesi in piazza per manifestare contro l’ordinanza del ministero.

Una giovane donna, il 27 dicembre 2022, si è fermata nei pressi dell’università di Kabul davanti ai soldati talebani per protesta. “Volevo dimostrare il potere di una singola ragazza afghana, che anche una sola persona può opporsi all’oppressione“, ha poi affermato.

Anche alcuni studenti uomini della Nangarhar University a Jalalabad, in solidarietà con le colleghe donne, si sono rifiutati di svolgere un esame e sono usciti dall’aula.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, si è rivolto al governo di Kabul e ha dichiarato:

Le ultime restrizioni imposte dai talebani all’occupazione e all’istruzione di donne e ragazze sono ingiustificabili violazioni dei diritti umani e devono essere revocate. Le azioni per escludere e mettere a tacere le donne e le ragazze continuano a causare immense sofferenze e gravi battute d’arresto al potenziale del popolo afghano.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!