Si sta diffondendo l’allarme per l’aumento dei rapimenti di ragazze di 13 anni in Pakistan, costrette a sposarsi e convertirsi all’Islam.

Gli esperti hanno riferito che molte ragazze sono state “rapite dalle loro famiglie, portate lontano dalle loro case (e) costrette a sposare uomini a volte con il doppio della loro età”. Si è inoltre ipotizzato il coinvolgimento delle autorità religiose in tutto questo, nonché la complicità delle forze dell’ordine e del sistema giudiziario, nonostante tutti gli sforzi che il Pakistan ha compiuto per l’approvazione della legge contro tali pratiche.

“Esortiamo il governo a prendere provvedimenti immediati per prevenire questi fatti” hanno detto gli esperti in una comunicazione al Consiglio per i diritti umani. Si è inoltre richiesto al governo di “indagare a fondo in modo obiettivo e in linea con la legislazione nazionale e gli impegni internazionali in materia di diritti umani. Gli autori devono essere ritenuti pienamente responsabili“.

"Io, italiana convertita all'Islam, vi racconto il femminismo islamico" - INTERVISTA A SVEVA BASIRAH

Nella dichiarazione in sostegno dei diritti delle donne e dei bambini, il gruppo di esperti (composto da quasi una dozzina di persone), ha affermato che i tribunali pakistani avevano implicitamente chiuso un occhio su tali pratiche, accettando da parte degli autori di questi crimini “prove fraudolente”, riguardanti l’età delle vittime e la loro volontà di sposarsi e convertirsi all’Islam.

Nel dettaglio, si è constatato che i tribunali a volte avevano “usato interpretazioni improprie della legge religiosa per giustificare il fatto che le vittime fossero rimaste con i loro aggressori”. La polizia aveva anche deluso le famiglie delle vittime rifiutandosi di registrare i rapimenti o liquidandoli come “matrimoni d’amore”.

“I rapitori costringono le loro vittime a firmare documenti falsi che attestano la loro età legale per il matrimonio. Questi documenti sono citati dalla polizia come prova che non si è verificato alcun crimine”, hanno denunciato gli esperti, che hanno aggiunto che tutte le vittime, indipendentemente dal background religioso, abbiano accesso alla giustizia e alla protezione ai sensi della legge.

“Le autorità pakistane devono far rispettare la legge che proibisce le conversioni forzate, i matrimoni forzati e precoci, il rapimento e la tratta, e rispettare i loro impegni internazionali in materia di diritti umani per combattere la schiavitù e la tratta di esseri umani e difendere i diritti delle donne e dei bambini”, hanno affermato.

Articolo originale pubblicato il 23 Gennaio 2023

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!