logo
Stai leggendo: Ricky Martin: “Perché vorrei che i miei figli fossero gay”

Ricky Martin: "Perché vorrei che i miei figli fossero gay"

In un'intervista Ricky Martin si ritrova a parlare del suo coming out: un'esperienza così unica e speciale che augurerebbe a chiunque, figli compresi.

Pochi giorni fa Ricky Martin è stato intervistato da Peter Travers nel suo programma televisivo “Popcorn with Peter Travers”. Ricky è stato invitato per discutere del suo ruolo da attore nella serie American Crime Story: Versace. La serie, andata in onda in Italia dal 19 gennaio al 23 marzo 2018, parla dell’assassinio di Gianni Versace e Ricky Martin interpreta Antonio D’Amico, il compagno di Gianni al momento della sua morte.

Mentre si parla di Gianni Versace è impossibile non parlare di omofobia: un artista che ha vissuto in un’epoca che è stata in grado di capire la sua creatività, ma non le sue scelte di vita, che gli ha dato tanto ma che gli ha altrettanto tolto molto.

Durante l’intervista, parlando appunto della serie in cui Ricky è tra i protagonisti, era impossibile non parlare del coming out del cantante. Peter Travers, come si vede nel video pubblicato da Good Morning America, pare ricordarsi per bene le parole utilizzate da Ricky Martin per condividere con tutti i suoi fan la sua omosessualità.

Sono orgoglioso di dire che sono un fortunato uomo omosessuale.

Una positività nascosta che ha contrassegnato da quel momento tutta la sua vita. Essere se stessi e amarsi e tutto andrà bene è il grande messaggio di Ricky Martin. Il suo coming out non ha solo regalato positività alla vita del cantante, ma anche grande forza a chi ancora si sta nascondendo, con il timore di non essere accettato. Per questo poi il cantante, parlando dei propri figli, ha dichiarato:

Ascolta, mettiamola così: i miei figli sono troppo giovani, ma vorrei che fossero gay. È una cosa molto speciale, è la sensibilità, è il modo in cui vedo le cose ora che non mi devo più nascondere in nessun modo. Vedo i colori. E l’arcobaleno. Capisco perché è proprio l’arcobaleno il nostro simbolo, perché è tutto reale, tutto è tangibile. Tutto ciò mi rende una persona più forte.

Ricky ha avuto nel 2008 due gemelli da madre surrogata, Valentino e Matteo Martin.