logo
Stai leggendo: S’innamora dell’infermiera che gli dona il rene: ora si sposano

S’innamora dell’infermiera che gli dona il rene: ora si sposano

Un gesto d'amore disinteressato, quello dell'infermiera Cinzia, che Giacomo ha apprezzato moltissimo e che gli ha permesso di stare un po' meglio. Domenica a Pisa le nozze con rito civile.
infermiera

Giacomo Schinasi, responsabile amministrativo della comunità ebraica di Pisa, è affetto da una grave insufficienza renale. Viene ricoverato all’ospedale di Pisa dove rimane per diversi giorni: lì incontra la donna della sua vita, un’infermiera che si prendeva cura di lui e che domenica diventerà sua moglie. Una storia che racconta di un amore nato tra i letti d’ospedale, nonostante il dolore, tra una terapia e l’altra. Il loro primo incontro, infatti, come racconta il quotidiano “La nazione”, è avvenuto cinque anni fa quando Giacomo si recava per tre volte a settimana in ospedale per sottoporsi alla dialisi.

Qualche anno dopo, nel 2014, Cinzia ha scoperto di essere una donatrice compatibile al 99% e per questo motivo ha deciso di donargli un rene per il trapianto: un bellissimo gesto d’amore da parte di un’infermiera che, affezionandosi al paziente, ha finito per innamorarsene e, dunque, per cambiargli la vita. Un gesto d’amore disinteressato che Giacomo ha apprezzato moltissimo e che gli ha permesso di stare un po’ meglio, di tornare ad avere una vita normale. Una vita che i due trascorreranno insieme nonostante ci siano ancora molti ostacoli da superare.

Per coronare il loro amore Giacomo e Cinzia hanno deciso di sposarsi: domenica prossima il matrimonio in Comune a Pisa con rito civile. Intanto, però, un anno dopo il trapianto, Giacomo ha avuto una crisi di rigetto e al momento si trova costretto a recarsi in ospedale per sottoporsi alla dialisi (esattamente com’era accaduto quando conobbe la sua futura moglie, l’infermiera che lo ha assistito con amore in quei momenti difficili) . Cinzia – è doveroso sottolinearlo – ha fatto tutto ciò che poteva, ha donato il rene provando a restituire dignità al suo Giacomo: adesso al suo futuro marito non resta che attendere un nuovo trapianto, da un nuovo donatore, sperando che questa sia la volta giusta.