Dopo la notizia dell’invasione russa dell’Ucraina le prime immagini e video di guerra hanno purtroppo cominciato a fare il giro del mondo; come vi abbiamo raccontato in un altro articolo, occorre fare molta attenzione quando si parla di questo genere di materiale di informazione, senza cadere nel gioco di una parte o l’altra della propaganda.

Ucraina, le prime terribili immagini e video dalla guerra

Quello che sappiamo è che anche la popolazione russa sta cominciando a scendere in strada per protestare contro l’attacco di Mosca, e a raccogliere le loro testimonianze, in queste ore, è il giornalista Kevin Rothrock, che lavora per Meduza, uno dei pochi media russi indipendenti, considerato infatti dal governo del Cremlino come “un agente straniero”.

Ciò che la documentazione di Rothrock mostra sono manifestazioni di singole persone o di gruppetti sparuti, in varie città russe, per protestare contro l’invasione. I partecipanti rischiano però tantissimo: già diverse decine di attivisti nelle ultime ore sono state arrestate in Russia.

Una delle immagini più eloquenti della protesta è quella di Sofya Rusova, co-presidente del Sindacato dei giornalisti della Russia.

Questa, invece, è una delle più recenti manifestazioni contro la guerra a Novosibirsk, nel distretto federale siberiano.

Proteste anche ad Ekaterinburg, estremità orientale del Paese al confine con l’Asia.

Le proteste stanno montando anche nel mondo culturale e intellettuale russo: Elena Kovalskaya, direttrice del Centro culturale e teatrale statale Vsevolod Meyerhold di Mosca, ha annunciato le sue dimissioni in segno di protesta contro l’invasione dell’Ucraina.

È impossibile lavorare per un assassino e riscuotere uno stipendio da lui.

Ha scritto nel suo post, riportato da Rothrock.

Ma per far capire quale tipo di clima si respiri in queste ore a Mosca, il giornalista ha spiegato, riportando ancora una volta il post ufficiale scritto in cirillico, che il Teatro Mayakovsky di Mosca ha proibito ai suoi attori di fare commenti sull’invasione russa dell’Ucraina.

Secondo quanto riferito, il Dipartimento di Cultura della città afferma che qualsiasi commento negativo sarà considerato ‘tradimento’.

Rothrock, in un altro tweet, aggiunge che “Il Comitato Investigativo Federale della Russia ha emesso uno speciale (extra) stato di attenzione ai manifestanti ‘non autorizzati'”. In questo tweet si vede invece una manifestante davanti all’ambasciata ucraina che viene arrestata.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!