Selma Blair, 49 anni, star di Hellboy e Legally Blonde, ha descritto in dettaglio per la prima volta le sue esperienze di violenza sessuale e i suoi problemi di dipendenza da alcol nel suo nuovo libro di memorie, Mean Baby: A Memoir Of Growing Up.

L’attrice ha confessato per la prima volta di essere stata stuprata in un’intervista con People, in cui aveva raccontato di essere stata violentata più volte. La rivista aveva condiviso in anteprima un passaggio del suo libro di memorie, uscito a maggio 2022, in cui raccontava di essere stata stuprata al college, durante una vacanza per la pausa primaverile: “Non so se entrambi mi hanno violentato. Uno di loro sicuramente l’ha fatto“, ha scritto Blair, “Mi sono fatta piccola piccola e ho aspettato che finisse“.

Selma Blair: "Al college sono stata stuprata più volte"

L’attrice ha dichiarato che non era stato un caso isolato, perché spesso alle feste era “troppo ubriaca per dire “no, per favore, smettila“”. Blair aveva detto a People che la sua dipendenza dall‘alcol era iniziata a soli 7 anni ed era aumentata durante l’adolescenza e i 20 anni.

Come riporta The Independent, Selma Blair ha dichiarato che prima di parlare pubblicamente delle aggressioni sessuali subite ne aveva parlato solo con il suo terapeuta, ma che adesso si sente “abbastanza sicura da alleviare quel peso dato dalla vergogna“.

Il giorno della pubblicazione del libro di memorie, come riporta la stampa, l’attrice ha detto che scrivere le ha “impedito di morire“. L’attrice ha spiegato che non aveva compreso appieno quanto gli episodi di stupro l’avessero segnata nel profondo e quanto avessero avuto un ruolo centrale nella sua vita: “Il mio senso di trauma era più grande di quanto pensassi… Ho avuto così tanta vergogna e colpa“, ha detto.

Mean Baby: A Memoir of Growing Up

Mean Baby: A Memoir of Growing Up

17 € su Amazon
20 € risparmi 3 €

Mean Baby: A Memoir of Growing Up è il libro di memorie dell’attrice Selma Blair, in cui racconta la sua vita, la sua dipendenza dall’alcol e le aggressioni sessuali subite in gioventù.

Durante l’intervento il giorno della pubblicazione di Mean Baby: A Memoir Of Growing Up, Blair ha aggiunto che ha scritto questo libro per suo figlio Arthur Saint Bleick, e per tutte le persone che cercano di trovare “il buco più profondo in cui strisciare fino a quando il dolore non passa“.

Blair, che è sobria dal 2016, ha aggiunto che è grata per quel che sta succedendo e che non riesce a credere a tutte le cose belle che sono capitate: “Sono ancora qui e sto bene“, ha detto.

Nell’ottobre del 2018, Blair aveva dichiarato pubblicamente di aver ricevuto la diagnosi di sclerosi multipla, una malattia potenzialmente debilitante che attacca il cervello e il sistema nervoso.

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!