Secondo una nuova ricerca condotta dagli esperti della Federazione Italiana delle Società Malattie dell’apparato digerente (FISMAD), il 10% dei pazienti positivi al Covid-19 manifesta problemi gastrointestinali come vomito e diarrea proprio agli inizi della patologia. Per questo motivo, tali sintomi non vanno sottovalutati perché possono essere un campanello d’allarme.

La dottoressa Elisabetta Buscarini, presidente della Federazione Italiana delle Società Malattie dell’apparato digerente dell’ospedale di Crema, ha spiegato:

“Il 10% dei pazienti ha manifestazioni digestive come vomito e diarrea all’esordio di malattia, ed in alcuni casi questi sintomi fanno da campanello d’allarme del Covid-19, e perciò non devono essere sottovalutati. Il nostro team ha dedicato anche molta attenzione alle manifestazioni sull’apparato digerente del Covid. Negli esami endoscopici che abbiamo effettuato in pazienti che avevano presentato emorragia digestiva abbiamo dimostrato la presenza di lesioni molto caratteristiche”.

Gli scienziati hanno raccolto un numero significativo di dati sui sintomi del coronavirus ed è stato già pubblicato un documento in cui vengono riportati alcuni consigli sull’assistenza ai pazienti con problemi gastrointestinali.

Posso aver già avuto il Covid-19? Posso saperlo?

La ricerca è stata riportata dal sito Scienze.Fanpage.it. A effettuare i primi studi sull’impatto del coronavirus nell’apparato gastrointestinale sono stati i medici di Whuan, la prima città ad essere colpita dal Covid-19 che conta 11 milioni di abitanti. I ricercatori dei dipartimenti di Malattie Infettive e Tubercolosi e Malattie Respiratorie dell’ospedale di Wuhan, hanno riscontrato diarrea e nausea in una piccola percentuale di pazienti trattati.

Altre indagini più recenti invece hanno rilevato percentuali superiori, ad esempio, secondo un report pubblicato sul portale “Epicentro” dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), è stata riscontrata la diarrea nel 7% di un campione di circa 2mila pazienti deceduti nel nostro Paese.

In una ricerca condotta dal team di scienziati tedeschi con a capo il professor Hendrik Streeck, virologo di fama internazionale dell’Università di Bonn, questo sintomo è stato rilevato nel 30% dei pazienti provenienti da Heisenberg, una delle città tedesche più colpite.

La conclusione degli esperti è che un paziente su dieci affetto dal Covid-19, manifesta sintomi gastrointestinali come nausea, vomito, dolore addominale e diarrea. Nella maggior parte di questi pazienti positivi, questi sintomi esordiscono prima di quelli respiratori come tosse e dispnea.

La discussione continua nel gruppo privato!