logo
Stai leggendo: CamScanner, l’app per scansionare i documenti da smartphone

CamScanner, l'app per scansionare i documenti da smartphone

Siete fuori casa, fuori ufficio, in vacanza e vi chiedono di inoltrare urgentemente la scansione di un documento, che sia una carta d'imbarco o un certificato medico. Attimi di panico: "E ora come faccio?". Conosciamo bene la situazione, per questo abbiamo deciso di consigliarvi questa applicazione. Non servono scanner e pc, basta... lo smartphone.
Fonte: Web
Fonte: Web

Siamo per strada, in vacanza, a casa di un’amica, al bar. E tac: ci comunicano che quel documento, il certificato medico che abbiamo appena ritirato e che custodiamo in borsa, dev’essere inoltrato urgentemente al medico. Lo stesso accade con documenti importanti di lavoro, moduli di iscrizione all’università per il figlio più grande o a danza per la piccolina… Abbiamo dinanzi ai nostri occhio un foglio da compilare e firmare. Dunque completiamo, firmiamo, ma poi?

Certo, potremmo optare per l’antico stratagemma della foto scattata con lo smartphone da inviare via mail, ma in genere la risoluzione è pessima e la leggibilità pure. Per tutte queste evenienze, CamScanner è un’app gratuita utilissima (esiste anche una versione Premium di cui parleremo più avanti), disponibile per Apple, Android e Windows Phone 8, che consente di digitalizzare i documenti cartacei, salvarli come jpg, pdf e così via e inviarli e/o condividerli (i file, trattandosi della versione gratuita, sono contrassegnati da watermarks).

Certo, la risoluzione non sempre sarà ai massimi livelli, ma per trasmettere una comunicazione al volo e salvarci dall’ansia del momento è l’ideale.

Noi in redazione l’abbiamo provata, e ci capita di usarla abbastanza spesso per il nostro lavoro. Vi va di venire con noi alla scoperta di CamScanner?

 

1. Cos’è CamScanner e quanto costa

Fonte: CamScanner
Fonte: CamScanner

Giusto per avere una panoramica iniziale e qualche numero, CamScanner – come riportato nella descrizione della stessa app su AppleStore – ha superato i 100 milioni di download in oltre 200 Paesi. Di più: CamScanner registra circa 50mila nuove registrazioni ogni giorno, è stata insignita nel 2014 del premio App Store Best e nel 2013 il Time ha inserito l’app fra le 50 migliori per iPhone.

Insomma, stiamo parlando di una signora app, studiata per scannerizzare, sistemare e archiviare documenti, sincronizzandoli tra smartphone, tablet e pc grazie al salvataggio del materiale in Cloud.

L’app è una creatura di INTSIG Information Co., Ltd, ed è stata aggiornata l’ultima volta per i supporti Apple il 16 marzo 2015 e più recentemente, il 17 giugno, per Google Play. Per il download è necessario che il vostro telefono Android supporti la versione 2.3 o successive, mentre per Apple è richiesto IOS 6.0 o successivi (è compatibile con iPhone, iPad e iPod Touch; in particolare, l’ultimo rilascio è ottimizzato per iPhone 5).

Infine, CamScanner è disponibile in 15 lingue: italiano, arabo, cinese semplificato, cinese tradizionale, coreano, francese, giapponese, inglese, polacco, portoghese, russo, slovacco, spagnolo, tedesco e turco.

2. Scansionare un documento con CamScanner

Fonte: CamScanner
Fonte: CamScanner

Iniziare a usare CamScanner non è per tutti semplicissimo, ma nemmeno difficile: l’app è piuttosto intuitiva e bastano un paio di tentativi per prenderci la mano.

Una volta lanciata l’app, vengono presentati tutti i documenti salvati (se ce ne sono) o in alternativa avremo una schermata bianca.

La fascia alta della schermata è contrassegnata dalle varie funzionalità legate alla gestione dei documenti salvati:

  • Ricerca documento;
  • Imposta modalità di visualizzazione dei file (elenco o affiancati);
  • Gestione dell’ordine da assegnare ai documenti (per data di creazione o data di aggiornamento);
  • Flag per selezionare uno o più documenti.

In basso, invece, troviamo il simbolo della della macchina fotografica.

Ed è proprio dalla macchina fotografica – previa abilitazione al collegamento di CamScanner con la nostra fotocamera e la nostra libreria foto – che la procedura ha inizio. Si tratta né più e né meno di scattare una semplice fotografia al nostro documento (in posizione orizzontale e in buono stato, ossia non spiegazzato), cercando sì di essere precise e chiare, ma senza eccessive preoccupazioni: sarà CamScanner poi a venirci in soccorso. Vediamo come.

3. CamScanner: l'”autoregolazione” della qualità delle fotografie

Fonte: CamScanner
Fonte: CamScanner

Il risultato della foto, già a prima vista, non è affatto male, soprattutto se consideriamo che l’immagine è stata scattata in condizioni di luce pessima e con un documento non in perfetto stato di salute.

Anzitutto, la griglia con i pallini ci consente di iniziare a migliorare la resa del nostro documento, tagliandolo per esempio per eliminare i bordi oppure ampliandone la dimensione per comprendere l’intero scritto.

CamScanner ha pensato bene a come fare per agevolare l’operazione. Il quadrato con le frecce diagonali in basso a sinistra consente appunto di allargare la griglia sino ad abbracciare l’intero documento, mentre le due icone centrali permettono di ruotarlo in senso orario o antiorario. La V a destra va infine flaggata quando abbiamo dato al nostro certificato o al nostro modulo le dimensioni ottimali. Ma cosa succede subito dopo il flag?

4. Come migliorare le immagini con CamScanner

Fonte: CamScanner
Fonte: CamScanner

Una volta dato il flag come visto al punto precedente, questa è l’immagine restituita da CamScanner: un notevole passo avanti rispetto all’originale, non c’è che dire. Più chiara, leggibile e luminosa. E per giunta ulteriormente migliorabile.

Partiamo dalle funzionalità mostrate nella fascia alta della schermata:

  • Automatico: è né più e né meno ciò che si vede nell’immagine pubblicata all’inizio di questo paragrafo;
  • Originale: come suggerisce il nome, torna alla versione originale del documento, opzione altamente sconsigliata nel caso di specie;
  • Illuminare: com’è facile intuire, apporta un tocco di luce alle immagini più scure;
  • Elaborazione automatica: migliora ulteriormente tutto il migliorabile in termini di luce, chiarezza e leggibilità (in questo caso il risultato finale è molto simile a quello ottenuto con la funzione Automatico);
  • Bianco e Nero: trasforma in bianco e nero eventuali documenti colorati;
  • Grigio: come dice il nome, attribuisce un sottofondo grigio all’immagine.

Spostiamoci ora alla barra inferiore della schermata, ove troviamo altre molteplici funzionalità:

  • La freccia a sinistra: vi riporta indietro, ossia a quello che per noi è il punto 3;
  • Il rettangolo sovrastato da una freccia: consente ancora una volta di ruotare l’immagine, qui solo in senso orario;
  • La lente con la scritta OCR: questa è forse una delle funzionalità più interessanti di CamScanner. La funzione OCR consente di riconoscere testi in immagini, opzione utile per la ricerca o la condivisione. “Cliccando” sulla lente, CamScanner chiede di selezionare la lingua desiderata e in seguito evidenzia il testo riconosciuto come tale, che è anche possibile condividere con amici o colleghi (ma solo se si ha la versione Premium);
  • Le tre barre orizzontali: si riferiscono rispettivamente a colore, luminosità e contrasto, modificabili rispetto all’assetto assegnato di default (che però generalmente è il migliore);
  • Il flag finale: approva tutte le modifiche eventualmente apportate.

5. Come inviare e condividere il documento scansionato con CamScanner

Fonte: CamScanner
Fonte: CamScanner

Stanche? Tranquille, siamo alle battute finali della nostra procedura di digitalizzazione con CamScanner.

Iniziamo come sempre dalla barra in alto, che qui serve semplicemente per dare un ordine ai documenti nel caso fossero più d’uno.

La barra inferiore è invece di gran lunga più interessante:

  • Aggiungi: consente di aggiungere un documento ripartendo dall’inizio del procedimento, ossia dallo scatto con macchina fotografica;
  • Importa: permette di importare file dall’Album o dall’Archivio Cloud;
  • Invita: se si è registrati dà la possibilità di invitare altri all’utilizzo di CamScanner (sino a 10 persone con l’app gratuita);
  • Email: è probabilmente la fase che tutte attendevamo con maggior trepidazione. L’email consente di inviare il documento con diverse modalità:
    • Collegamento diretto al file (è necessario essere registrati);
    • File di collegamento sicuro (solo Premium);
    • File Jpg (valido per tutti);
    • File Pdf (valido per tutti);
    • File di testo (esclusivamente per utenti Premium).
  • …Di più: La sezione Di più comprende a sua volta numerose funzionalità:
    • Commenta (utenti registrati);
    • AirPrint, ossia la stampa se si dispone della stampante;
    • Fax (l’invio è a pagamento);
    • Upload: permette di caricare il file in Box, Dropbox, Evernote, Google Drive e OneDrive, funzione utilissima tanto per l’archiviazione quanto per la condivisione;
    • Apri in: apre il file in altre app, per esempio iBooks o nel proprio account di posta elettronica;
    • Per Album: salva il file nella libreria foto;
    • Anteprima Pdf;
    • Caratteristiche: consente di assegnare un nome al file, di aggiungere tag (per esempio lavoro, certificati, moduli iscrizione, ecc.), di impostare una password per il file Pdf, di assegnare un orientamento orizzontale o verticale allo stesso Pdf e di stabilire la dimensione della pagina;
    • Mail Me: per inviare il documento via mail a se stessi, per promemoria o per eventuali futuri inoltri.

6. Cosa pensano gli utenti che hanno già provato CamScanner

Fonte: Apple Store
Fonte: Apple Store

Naturalmente esistono tantissime app simili a CamScanner: abbiamo vagliato attentamente gli store e alla fine abbiamo scelto questa perché, anche nella versione gratuita, offre opportunità utilissime e inoltre è scaricabile su tutti i dispositivi più diffusi.

Non siamo le sole a pensar bene di CamScanner. Su Apple Store l’applicazione incassa il punteggio pieno: 118 recensioni per la versione più recente, tutte da 5 stelle. Niente male anche su Google Play: qui gli utenti assegnano a CamScanner un voto medio di 4,4, risultato della ponderazione di centinaia di migliaia di valutazioni.

Vediamo insieme qualche recensione lasciata dagli utenti. LeleBari79, su Apple Store, definisce l’app di Alta Qualità, e motiva la sua valutazione con queste parole:

Un’app che non solo fa quello che dice, ma lo fa bene. Ottima grafica, ottime funzionalità, un’app realmente professionale e ben fatta per poter usare come scanner e come fax il proprio iPhone. Un vero ufficio in movimento! Unica nota negativa è che potrebbero migliorare il costo del fax, per il resto 5 stelle.

Su Google Play, Rossella è di avviso analogo:

Cam scan geniale!!! App utilissima, è come avere uno scanner sempre a portata di mano. Mi ha risolto tante situazioni di emergenza. Complimenti!!!

Per le più esigenti, passiamo infine a vedere quali sono le caratteristiche della versione Premium.

 

7. CamScanner Pro, perché (eventualmente) acquistarla

Fonte: Apple Store
Fonte: Apple Store

Come anticipato, CamScanner è disponibile anche in versione Premium al costo di 4,99 euro mensili (o 49,99 euro annui) su Apple Store, mentre su Google Play è acquistabile al momento in cui scriviamo a 1,47 euro.

Rispetto alla sorella gratuita, CamScanner Pro, guardando alle caratteristiche principali, offre:

  • Uno spazio Cloud di 10 Gb contro i 200 Mb della free;
  • La possibilità di modificare i risultati OCR e le note dell’intero documento, esportabile come file .txt;
  • Creare collage per documenti costituiti da più pagine;
  • Condividere con 50 amici o colleghi anziché 10;
  • Inviare il link del documento con password di protezione e data di scadenza;
  • Upload automatico su Box, Google Drive, Dropbox, Evernote e Microsoft Onedrive.

Che ve ne pare? Vi abbiamo convinte dell’utilità di questa app? Raccontateci le vostre esperienze se la conoscevate già oppure diteci se la scaricherete anche voi!