logo
Stai leggendo: Festival di Cannes, fuori concorso i film di Lars von Trier e Terry Gilliam

Festival di Cannes, fuori concorso i film di Lars von Trier e Terry Gilliam

Tra le new entry spiccano "The Man Who Killed Don Quixote" di Terry Gilliam e "The House That Jack Built" del regista danese Lars von Trier.
festival di cannes

Nuovi film in concorso che, di fatto, andranno ad aggiungersi a quelli già presentati nel corso della conferenza stampa della 71esima edizione dell’attesissimo Festival di Cannes. Il 12 aprile, infatti, ne erano stati annunciati ben 18; adesso ci sono delle novità. Tre di questi film faranno parte del concorso ufficiale, quello in cui il vincitore si aggiudicherà l’ambita Palma d’oro, gli altri invece saranno tutti fuori concorso. Tra questi spiccano “The Man Who Killed Don Quixote” di Terry Gilliam e “The House That Jack Built” del regista danese Lars von Trier, come scrivono tutti i media di settore.

I nuovi film in concorso, oltre a quelli già citati, sono: “Knife + Hear”, un thriller diretto da Yann Gonzalez e ambientato nella Parigi degli anni ’80; “Ayka” di Sergey Dvortsevoy e “The Wild Per Tree” del regista Nuri Bilge Ceylan, già vincitore della Palma d’oro nel 2014. “The Man Who Killed Don Quixote” è il film che chiuderà il Festival di Cannes visto che la proiezione è prevista il 19 maggio, ovvero il giorno in cui uscirà nei cinema francesi.

“The House That Jack Built” del regista von Trier, invece, è un film con Matt Dillon, Bruno Ganz, Riley Keough e Uma Thurman: ambientato negli States, racconta la vita di un serial killer. Von Trier, è doveroso ricordarlo, non va a Cannes dal 2011 quando venne definito “persona non gradita” a seguito di alcune dichiarazioni – ritenute ambigue – su Adolf Hitler e sul nazismo. Sempre in quell’occasione aggiunse che Israele era “una rottura di palle”.

La giuria del Festival di Cannes sarà presieduta dall’attrice Cate Blanchett (l’anno scorso, come ricorderete, c’era Pedro Almodovar). Quest’anno, tra l’altro, ci saranno anche due film italiani: “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher e “Dogman” di Matteo Garrone.

Nell’edizione 2017 la Palma d’oro andò a “The Square” del regista svedese Ruben Ostlund. E in questa edizione?