logo
Stai leggendo: Ecco le Parole più Cercate su Google dagli Italiani nel 2015!

Ecco le Parole più Cercate su Google dagli Italiani nel 2015!

Noi lo aspettavamo con ansia. Cosa? L'elenco delle parole più cercate su Google dagli italiani nel 2015! Ora che è arrivato, abbiamo scoperto alcune cose curiose e divertenti e ne abbiamo notate altre più prevedibili. Siete pronte a dare un'occhiata alla lista e a dirci se vi ci ritrovate?
parole più cercate su google 2015
Fonte: Web

Ormai è un appuntamento fisso, atteso e ricorrente, un po’ come il Natale, la Pasqua o, per chi la apprezza, l’agenda di suor Germana. Stiamo parlando dell’elenco delle parole più cercate su Google lungo l’intero arco dell’anno, una lista che offre uno spaccato della società in cui viviamo e che dà un’idea di quali siano i trending topic del web in un determinato Paese e in un determinato anno.

Non solo: attraverso le parole cercate sul motore di ricerca di Mountain View, riusciamo anche a ricostruire le tappe dell’anno appena trascorso attraverso gli eventi, i personaggi, i fatti eclatanti o i temi caldi dell’agenda giornalistica che l’hanno contraddistinto.

Eccovi quindi l’elenco delle parole più cercate su Google in Italia nell’arco dell’intero 2015. Vi ci ritrovate?

1. Parole

pino daniele
Fonte: Web

Nella classifica delle parole più cercate su Google in Italia nel 2015 troviamo, tristemente, Pino Daniele, scomparso quasi un anno fa – il 4 gennaio 2015 – a causa di un infarto. E lo stesso cantautore è anche al primo posto della classifica successiva, ossia quella dei personaggi più ricercati su Google.

Dopo il chitarrista partenopeo, le ricerche sul principale motore di ricerca da parte degli internauti del Bel Paese si sono concentrati sui reality show: Grande Fratello e Isola dei Famosi. Parigi si colloca “solo” al quarto posto, non tanto – probabilmente – per disinteresse su fatti geopolitici internazionali quanto perché la Strage di Parigi è piuttosto recente; è pur vero che la capitale francese era già stata piegata dall’attentato a inizio anno alla sede di Charlie Hebdo, ma è verosimile che i mesi di “tranquillità” intercorsi abbiano placato, almeno per un po’, le ricerche. D’altro canto Charlie Hebdo non sparisce da questa prima chart, in cui lo troviamo al nono posto.

Dopo Parigi si torna sul frivolo con, in serie, Sanremo 2015, 50 Sfumature di Grigio (ancora?!), Miss Italia 2015, Expo – com’era abbastanza ovvio – per chiudere con Valentino Rossi, uno dei grandi wanted di Google Italia 2015, come vedremo nella ricerca dei personaggi, vale a dire immediatamente!

2. Personaggi

valentino rossi
Fonte: Web

Come già detto, al primo posto nelle ricerche dei personaggi si colloca Pino Daniele, ma al secondo balza Valentino Rossi, aiutato probabilmente – oltre che dal fatto di essere  il re indiscusso dei fan italiani e non solo del Moto Gp Mondiale – dalla recente love story sulle piste di gara con Marquez.

Musica e sport, ossia pane, et circenses, scavalcano la politica: il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è “solo” al terzo posto. Una meteora di consapevolezza politica, comunque, visto che a seguire troviamo l’icona sexy di Malizia Laura Antonelli, scomparsa a giugno di quest’anno, e un’altra triste vicenda, ossia quella di Maria Grazia Capulli, la giornalista del Tg2 morta a ottobre del 2015.

Proseguendo troviamo Rocco Siffredi (immancabile), l’attrice Monica Scattini morta a febbraio, Gabriel Garko, Alice Sabatini aka Miss Italia 2015 e Pietro Mennea.

In generale, pare che agli italiani piacciano più i “coccodrilli” e i personaggi del passato che non quelli che tirano le fila della società del presente, ma tant’è.

Andiamo a vedere cosa ci riserva la classifica relativa alle parole emergenti del 2015!

3. Parole emergenti associate al 2015

miss italia 2015
Fonte: Web

In questo caso a farla da padroni sono naturalmente eventi, manifestazioni e spettacoli: si va da Miss Italia 2015 ad Amici 2015, dagli Oscar 2015 all’Isola dei Famosi per proseguire spediti fino alla fine con Lotteria Italia, Tour de France, Europei di basket, Festa della Mamma (e guai a chi dice che non siamo un popolo di mammoni, senza offesa per nessuno, anzi: la mamma è sempre la mamma!), Vuelta 2015 e Us Open 2015. Insomma, televisione e sport, perlopiù. Con un pensiero fisso alle mete per le vacanze: vediamo le più cercate su Google nel 2015!

4. Mete per le vacanze

follonica
Follonica – Fonte: Web

Senza troppi ragionamenti, qui è sufficiente riportare pedissequamente l’ordine delle ricerche: la meta delle vacanze vincitrice delle ricerche su Google nel 2015 è Follonica, seguita da Capo Verde, Palinuro, Creta, Bordighera, Napoli, Lido di Camaiore, Ponza, Numana e Tenerife.

Ci rincuora, e non poco, che otto mete su dieci siano italiane, a conferma che ci stiamo accorgendo di quanto sia bello il nostro Paese, tutto da visitare senza dover per forza prendersi un aereo e procurarsi un passaporto per ammirare posti meravigliosi.

Ma ci sono anche posti per i quali serve avere un biglietto: ecco i più ambiti!

5. Biglietti per eventi

Expo
Fonte: Web

Anche in questo caso nulla di particolare da segnalare. Com’è facile intuire, i biglietti più cercati per gli eventi del 2015 (immaginiamo con qualche pentimento postumo viste le code chilometriche) sono stati quelli per Expo, seguiti da Lotteria Italia 2015 – che nonostante i tempi cambino tiene botta in maniera impressionante – Finale di Champions League, Juventus-Real Madrid e dall’attesissimo derby Inter-Milan. E, ancora parlando di calcio, al sesto posto si piazza Juventus-Monaco incalzata dalla Finale di Coppa Italia per chiudere con Inter-Juve, Ema 2015 e il concerto dei Foo Fighters a Cesena. Con qualche rara eccezione, la parte del leone spetta al calcio…

Ma oltre a voler partecipare a manifestazioni già allestite, molti italiani ambiscono a imparare a fare qualcosa da sé: vediamo cosa!

6. Come fare…

olive in salamoia
Fonte: Web

Circondati come siamo da programmi televisivi che mostrano chef e da chef che partecipano a programmi televisivi, non stupisce che molte delle ricerche su “Come fare” abbiano come oggetto una ricetta. Ma noi italiani siamo particolari: non cerchiamo una classica crostata o il metodo per cuocere perfettamente un uovo, no no.

La prima cosa che vorremmo imparare a preparare sono le olive in salamoia (che qualcuno ci dica il perché!) seguite a ruota dalle fatture elettroniche, che col cibo non hanno poco a che fare. Al terzo posto ci sono gli amanti del gorgonzola fatto in casa, seguiti dai tech addicted che non vedono l’ora di sapere come fare chiamate con Whatsapp.

Al quinto posto un grande classico: il pesto alla genovese fatto in casa, seguito da una ricerca che a noi pare bizzarra, ossia Come fare i braccialetti con gli elastici: del resto anche noi negli anni Ottanta e Novanta ci dilettavamo a fare cose simili, solo che, anziché poter contare sui tutorial di Google, puntavamo sull’empirismo coi risultati che tutte ricordiamo. Al settimo posto fa capolino l’intramontabile nodo alla cravatta (e dai, impariamolo per bene una buona volta!) e all’ottavo ci piazziamo invece noi fanciulle che chiediamo a gran voce a Big G come si faccia a fare innamorare un uomo, quesito da un milione di dollari minimo. Chiudono la top ten i marron glacé e, ai tempi del regno hipster, i risvoltini. Ebbene sì, i risvoltini. Meglio forse concentrarsi sulla lista successiva, quella dei “Cosa significa”, che dite?

7. Cosa significa…?

transgender
Fonte: Web

Non sappiamo a voi, ma a noi non stupisce, visto che il tema è ancora fra i top mediatici, che al primo posto delle ricerche su Google ci sia il significato della parola gender. Più strano, apparentemente, è che il secondo risultato sia transgender, concetto che dovrebbe essere assodato da un po’, ma a questo punto ci viene da pensare che sia stato cercato in opposizione a gender, appunto. Arrivano poi altri temi caldi d’attualità come Isis e Je suis Charlie per tornare ai demoni del fisco con il famigerato codice tributo 3918. La seconda metà della chart vede rispettivamente la ricerca del significato di Suburra (il film), Tbt, Grexit, Bae (salito alla ribalta nel 2014 per l’utilizzo che ne hanno fatto in alcune canzoni Miley Cyrus e Pharrell) e Giubileo.

L’ottavo paragrafo è quello delle incognite infinite: Perché?!

8. Perché…?

io leggo perché
Fonte: Web

#ioleggoperché, al primo posto, è l’hashtag lanciato il 23 aprile di quest’anno in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore e che poi ha continuato a vivere di esistenza indipendente sui social. Seguono No Expo e 21 colpi di cannone (usanza legata alla nomina di un nuovo Presidente della Repubblica). Un altro quesito riguarda le ragioni del nome “Patto del Nazareno” – accordo siglato fra il segretario del Pd Matteo Renzi e Silvio Berlusconi – cui succede la curiosa domanda “Perché hai due papà” che in realtà fa riferimento al libro per bambini di Francesca Pardi dedicato alla questione del matrimonio omosessuale.

Dalla sesta posizione in avanti ci si chiede come mai la Grecia sia in crisi – in effetti le ragioni potrebbero non essere così immediate da capire, anche perché spesso i media sembrano dare per scontate alcune conoscenze – e perché la luna sia rossa (domanda associata con ogni probabilità all’eclissi di fine settembre). Ottavo piazzamento per “Perché si chiamano le Donatella?”, curiosità sulle vincitrici dell’Isola dei Famosi, perché Cristian e Virginia di Amici 14 si siano lasciati – dubbio fondamentale, in effetti – per terminare con la domanda di tutte le domande: come mai Marino si è dimesso?

Forza, siamo all’ultima classifica, la più dolce e golosa: quella delle ricette più cercate su Google dagli italiani nel 2015!

9. Ricette

sex on the beach
Fonte: Web

Come già detto, se ci aspettiamo la ricerca di ricette come la pasta al forno o le lasagne, siamo fuori strada. In primis, noi italiani vogliamo sapere come si prepari la marmellata di fichi e in seconda battuta quali siano gli ingredienti del Sex on The Beach (famoso cocktail, sconsigliato per pasteggiare, soprattutto se il companatico è la marmellata di fichi). Ci sono poi la marmellata di ciliegie, i sospiri (dolci), la Angel Food Cake, la pastiera napoletana, il dorayaki – una sorta di pancake giapponese – le chiacchiere, finalmente una classicissima amatriciana e i nutellotti, ossia dei biscotti alla nutella piuttosto… carichi.

Bene, care amiche, questo articolo serviva per darvi un’idea di come abbiamo utilizzato Google nel corso di quest’anno. Voi vi ricordate quali sono le parole che avete ricercato con maggiore frequenza?