Pensione giugno, pagamenti in corso ma con trattenute fiscali

Pensione giugno, pagamenti in corso ma con trattenute fiscali

Pensione giugno 2020, pagamento in corso ma con trattenute fiscali.

La pensione di giugno 2020 per alcuni pensionati sarà più bassa: l’Inps ha annunciato delle trattenute per debiti di natura fiscale, trattenute Irpef e addizionali regionali e comunali.

I pagamenti sono già in corso ma per alcuni pensionati l’importo di giugno, potrebbe essere più basso a causa di una variazione.

L’INPS ha annunciato delle possibili trattenute per debiti di natura fiscale relativi all’anno 2019 che sono contenuti nella Certificazione Unica del 2020 e si affiancano alle ordinarie trattenute IRPEF e alle rate delle addizionali regionali e comunali.

Sul sito si legge:

“Nel mese di giugno proseguono i conguagli fiscali, derivanti dalle ulteriori operazioni di rideterminazione dei redditi imponibili delle prestazioni erogate nel 2019, per l’emissione della Certificazione Unica 2020”

Coronavirus e Vacanze 2020: i Paesi che riapriranno le frontiere agli italiani

Vista l’emergenza coronavirus, le Poste Italiane continuano a prevedere un calendario di pagamento in anticipo della pensione in base al cognome del pensionato e in ordine alfabetico, mentre l’accredito in banca invece avverrà nella consueta data del primo del mese della rata di pensione, quindi da lunedì primo giugno 2020.

Dal 27 Maggio 2020 sono iniziati i pagamenti per i pensionati con cognome che inizia per A o B, mentre il 28 è toccato ai cognomi in C o D. Nella giornata di venerdì 29 maggio sono stati effettuati i pagamenti per i pensionati con cognome dalla E alla K, sabato 30 maggio mattina è toccato ai cognomi dalla L alla P e lunedì primo giugno toccherà ai pensionati con cognome che rientra nelle lettere che vanno dalla Q alla Z.

Come abbiamo già anticipato qualche riga sopra, l’INPS ha annunciato che nel mese di giugno proseguiranno i conguagli fiscali.

I pensionati con importo annuo lordo complessivo fino a 18mila euro per i quali il ricalcolo dell’Irpef ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore ai 100 euro, le trattenute verranno effettuate con rate uguali fino a novembre e le somme conguagliate saranno certificate nella Certificazione Unica 2020.

La discussione continua nel gruppo privato!
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...