“Quella bandiera ficcatela nel cu*o”. Ecco uno dei tanti commenti di odio apparsi sui social e indirizzati alla cantante Emma Marrone colpevole di aver sventolato, durante un concerto, la bandiera Rainbow, simbolo del mondo LGBT+. E di aver parlato a favore del DDL Zan, naturalmente.

Il fatto risale al 10 luglio, quando, durante un concerto a Torino, Emma vede in prima fila un ragazzo sventolare la bandiera. Sulle note di Cercavo amore – quale sottofondo migliore? – la cantante chiede di poter prendere in prestito il drappo, per mandare un chiaro messaggio: “Questa bandiera la sbattiamo in faccia a tutti quei politici codardi che si ostinano a non rendere una legge come il DDL Zan una legge concreta e stanno continuando a fare vittime di omofobia e di ignoranza. Grazie politici italiani, siete pazzeschi”.

Il video, in poco tempo, raggiunge più di mille visualizzazioni. E fioccano gli insulti. Da sempre schierata contro ogni tipo di discriminazione, Emma non ha mai avuto paura di prendere posizioni nette, senza nascondere la testa sotto la sabbia. Sarà proprio per questo – e sì, ammettiamolo, anche perché è donna, – che non è nuova a questo genere di situazioni. Del resto, nella giungla del web, a dominare sono i leoni da tastiera e molto spesso, purtroppo, nei confronti del sesso femminile gli haters si accaniscono sempre di più.

"Sembri una trans": la risposta di Elodie ai commenti al suo provino a 18 anni

Ecco qui qualche esempio:

  • “Emma canta che è meglio!! Non dire caxxate e quella bandiera ficcatela nel cxxo insieme al decreto Zan!”
  • “Secondo me è meglio pulirsi il cxxo con quella bandiera”
  • “Emma tu pensa a cantare e lascia liberi a chi la pensa diversamente. Quella bandiera dalle fuoco”
  • “Se doveva vestì da zocxola pe dillo?”, e ancora: “Ma vergognati… oca… chiudi sta bokka inutile… e la bandiera mettitela su per….”
  • “Te lo direi io dove mettertela quella bandiera, anzi te la metterei io”
  • “Cara Emma tu non hai figli, per questo stai zitta, VERGOGNATI”

Articolo originale pubblicato il 13 Luglio 2021

La discussione continua nel gruppo privato!
Seguici anche su Google News!