logo
Stai leggendo: Striscia la Notizia in crisi. Futuro incerto anche per le nuove veline.

Striscia la Notizia in crisi. Futuro incerto anche per le nuove veline.

Le nuove veline di striscia la notizia non convincono. Secondo Novella 2000, il loro licenziamento sembra essere vicino.

Novella 2000, in edicola domani, lancia lo scoop su twitter.

Il futuro delle due nuove veline non sembra particolarmente roseo, anzi, si vocifera che la coppia abbia vita breve all’interno del programma satirico di Mediaset. Già dal momento della loro vittoria non sono venute a mancare le polemiche: su Alessia e Giulia si è detto già di tutto, soprattutto su quest’ultima, accusata di aver fatto sopprimere il suo rottweiler di tre anni e di aver lavorato per un marchio di pellicce.

Le motivazioni della loro dubbia permanenza sembrano essere molteplici:

In primis, pare che le due non abbiano convinto ne il pubblico ne Antonio Ricci, ma questa pare una storia già sentita, dato che ogni anno si vocifera che il padrone di Striscia sia insoddisfatto e sul punto di cacciare e cambiare le Veline. Fatto sta che Striscia la Notizia non pare aver più il successo di pubblico e critica degli altri anni. Sebbene rimanga sempre in testa allo share, il programma prevale di pochissimo sul concorrente diretto Affari Tuoi, trasmesso sulle reti Rai.

Si parla anche di tagli economici, di un ridimensionamento del budget, anche se Ricci non troppo tempo fa aveva ammesso che l’unica cosa che sarebbe cambiata sarebbe stato il materiale con cui venivano realizzati i tapiri. Infondo Striscia la Notizia rimane pur sempre lo zoccolo duro per Publitalia e Mediaset non può permettersi di perdere il suo fiore all’occhiello.

Sembra anche che i mass media siano risentiti dal fatto che, per ordini di Striscia la Notizia, le due ragazze non siano troppo propense a rilasciare interviste,  e questo ha infastidito alcune riviste.

Tutti ne parlano, a dicembre sapremo la verità. Come per la profezia Maya. (o è stata nuovamente posticipata?)

 

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...