logo
Stai leggendo: Call center, a lavoro per 33 centesimi l’ora: stipendio da 92 euro

Call center, a lavoro per 33 centesimi l’ora: stipendio da 92 euro

Sette di queste - che lavoravano per un importante operatore telefonico italiano - hanno trovato il coraggio di denunciare tutto rivolgendosi al sindacato a cui hanno raccontato la propria storia di sfruttamento.
call center

Choc a Taranto dove, come riporta l’agenzia di stampa Ansa.it, le dipendenti di un call center avrebbero ricevuto un bonifico di 92 euro per un mese di lavoro. Inoltre avrebbero subito tagli alla retribuzione anche per soli tre minuti di assenza dalla postazione per andare in bagno con la conseguenza che i loro compensi sarebbero scesi anche a 33 centesimi l’ora. A denunciare l’accaduto è la Slc Cgil di Taranto che ha scoperto e denunciato il call center il quale, in questi mesi, avrebbe sfruttato le lavoratrici. Sette di queste – che lavoravano per un importante operatore telefonico italiano – hanno trovato il coraggio di denunciare tutto rivolgendosi prima di tutto al sindacato. Un esposto è stato presentato alla Procura della Repubblica di Taranto.

“Ho fatto il conteggio con la calcolatrice perché non riuscivo a spiegarmi come mai il mensile fosse così basso: sì, sono proprio 0,33 centesimi” ha raccontato una di loro al Corriere.it. Così spiega cosa è successo Andrea Lumino, sindacalista:

Il call center è un’azienda di Lecce con sede a Taranto in via Bari. Offriva 12mila euro l’anno a chi si candidava. Le ragazze hanno iniziato a lavorare lo scorso ottobre. In dicembre, è finito tutto.

Il contratto avrebbe indicato la cifra di 6,51 euro lordi per 6 ore al giorno. Ma alle interessate una copia del contratto non sarebbe mai arrivata, come racconta una di loro:

In 20 giorni di lavoro avrei dovuto prendere sui 600, euro. Invece… 92, euro. Lo ripeto: tre minuti di ritardo si arrotondano a 60 minuti.

Il 25 gennaio la chiusura del call center che ha lasciato in strada 30 persone. Questa la testimonianza di una delle ragazze:

Io ero in una sala dove eravamo una 15ina. Tutti in nero al 100%. Avevamo pattuito, verbalmente, ‘un fisso’ di 500 euro lordi soltanto se si riusciva a stipulare 6 nuovi contratti. Se nell’arco di un mese non spuntavo nulla, non prendevo un centesimo pur avendo lavorato. Ogni mattina, la team leader cominciava a gridarci forza forza…deve venir fuori il contratto!…altrimenti rimanete a casa!